Addio Google +

Pubblicato il 15 Ottobre 2018

Google+ chiude i battenti a causa della violazione della privacy di 500 mila utenti! Avevate/ avete un account su Google+? Entro agosto 2019, mese di chiusura effettiva del social network,  dovrete migrare i vostri dati altrove. Non avete un account o desiderate sapere di più sulla storia (breve) di questo social? Continuate a leggere!

Google+: storia
Google Plus (google+, g+) nasce a giugno del 2011, con l'idea di riunire in una sola piattaforma tutte le caratteristiche degli altri social network, raggiungendo in brevissimo tempo un grande bacino di utenti, anche grazie all'esposizione dello stesso Google.  Inizialmente, Google+ ha avuto un forte successo: convertiva automaticamente qualunque utente di un prodotto Google, Gmail in primis, in utente Google Plus, o che vincolavano la creazione di canali YouTube alla creazione ed uso di un connesso profilo Google Plus. Il risultato è stato un'elevata crescita di iscritti e bassissimo engagement. Per crearlo, sono state apportate novità, come la creazione di collections: playlist di contenuti curati dagli utenti; di cerchie, categorie in cui includere contatti con differenti gradi di accessibilità e di communities, gruppi,  e poi più nulla, fino all'annuncio di interruzione di servizio per gli utenti.

Google ha promesso che nelle prossime settimane gli utenti riceveranno tramite gmail più informazioni relative alla chiusura e alle modalità di trasferimento dei propri dati. 

L'errore di Google
Come dicevamo, Google+ avrebbe messo in pericolo i dati personali dei suoi iscritti e Google era a conoscenza di questa falla già da tempo ma non l'ha rivelato agli utenti pur avendo già preso provvedimenti a Marzo!

 

Scritto da Manuela Addeo