Stress da lavoro: come capire se siamo a rischio

Pubblicato il 11 Ottobre 2017

Tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta di stress e stress da lavoro correlato ma cosa significano esattamente questi termini? Scopriamolo insieme! 

Stress e stress da lavoro correlato: di cosa parliamo?

Definiamo Stress lo stato fisico e psichico in cui ci troviamo quando non ci sentiamo in grado di fronteggiare le richieste esterne.Questo determina una serie di comportamenti, talvolta inconsapevoli,  che, protratti nel tempo, possono diventare patologici. Cosa succede quando siamo al lavoro? La nostra giornata attraversa una serie di fasi: ci alziamo presto, corriamo in ufficio, in studio o dai nostri clienti. Il telefono squilla in continuazione, dobbiamo fissare appuntamenti, confermarli e relazionarci con persone diverse. Dobbiamo essere efficienti, organizzati, rispettare scadenze, rapportarci con colleghi e superiori. Se le richieste che ci vengono fatte vanno oltre le nostre capacità, siamo a rischio di stress da lavoro correlato.

Cosa può arrivare a turbare lo stato di salute dell'individuo e di un'intera organizzazione?

Quali sono le disfunzioni organizzative da cui derivano stress da lavoro correlato e altri fenomeni disadattamento che interferiscono sulla performance professionale? Eccone alcune:

– inadeguate modalità di progettazione, organizzazione e gestione del lavoro

– carichi di lavoro eccessivi

– richieste contrastanti e mancanza di chiarezza sui ruoli

– scarso coinvolgimento nei processi decisionali che riguardano i lavoratori e mancanza di influenza sul modo in cui il lavoro viene svolto

– gestione inadeguata dei cambiamenti organizzativi, precarietà del lavoro

– comunicazione inefficace, mancanza di sostegno da parte dei colleghi o dei superiori

Stress lavoro-correlato: campanelli d'allarme

I principali campanelli d’allarme provocati dallo stress da lavoro si manifestano a livello psico-fisico con:

– Mal di testa

– Senso di affaticamento

– Disturbi gastro-intestinali

– Problemi legati alla memoria a breve termine

– Perdita di concentrazione

Consigli per convivere con lo stress e imparare a gestirlo 

Lo stress può essere anche positivo e stimolante, se l'ambiente lavorativo in cui lavoriamo ci sostiene: lo stress, in questo caso fa migliorare le nostre prestazioni, genera sviluppo personale e benessere fisico e mentale. In tutti i casi, dallo stress non si scappa! Ecco qualche consiglio per gestirlo e conviverci. 

- Prendiamoci del tempo: 30 minuti al giorno, per noi stessi, per fare quello che ci piace.     

- Impariamo a dire no: sul lavoro, ma in realtà anche nella vita, possiamo dire: "non ce la faccio!"   

- Cambiamo le nostre abitudini: prima di andare in ufficio o in studio, fermiamoci a prendere un caffè!   

- Confrontiamoci con i colleghi: anche loro, come noi, saranno stressati. Potremmo trarne tanti spunti utili!    - Ripetiamoci che “siamo capaci”: non c’è nulla che non possiamo fare, basta solo volerlo!

Spero che questo articolo ti sia stato d'aiuto, specialmente se stai attraversando un periodo di stress sul lavoro

[Articolo a cura di Alessia Sabatino, Psicologa]

Scritto da Redazione zonabusiness